Archive from febbraio, 2010
Feb 10, 2010 - Senza categoria    4 Comments

Sobillo Piero: memorie, Amatrice 27 04 2027. (Parte seconda)

Mi sento abbastanza tranquillo. Un gruppo di contadini del luogo, discendenti di immigrati moldavi, ci hanno dato il permesso di restare. Hanno detto che se vogliamo ci faranno emigrare nell’Est europeo, nel frattempo lavoreremo un po’ per loro.                                                                                                                 Non appena si riuscirà ad organizzare un viaggio si partirà per il nord.                                                                                                                                                                          I rischi debbono essere ridotti al minimo.                                                         Clara accusa malori; ha nausea, continui conati. Ora si è addormentata.         Natlinka, questa bella amatriciana con i capelli biondi e gli occhi di ghiaccio, le ha somministrato qualcosa; mi sta osservando con l’espressione di chi comprende, di chi ne ha passate di tutti i colori. Sa che scrivo di nascosto. Mi parla in perfetto italiano marcato da un curioso accento “burino”. Mi sta assicurando che mia moglie è incinta e sta bene, che in fondo siamo fortunati. Mi propone di scrivere un libro sulla propria vita. Io prendo tempo. Mi confessa sottovoce cose tremende, di essersi prostituita per la prima volta a quindici anni, quando a Roma regnava il Diavolo; ha professato il meretricio sino al 2012, dice lei…Cambio discorso. Tento almeno.                                                                     Le spiego che mi son dovuto ufficialmente legare a Clara causa gli obblighi di legge, per non aver problemi con l’ecclesiastica.                                                    Non siamo certo i primi a fuggire da Roma.                                                          La situazione per gli abitanti atei del centro Italia è divenuta insopportabile. Hanno trovato tracce di dissenso su qualsiasi tipo di mezzo d’informazione: basta un tuo solo commento vecchio di anni, e dai motori di ricerca i Servizi anti Satana sanno tutto di te.                                                                                                                                  I malvagi e i corrotti approfittano della situazione, pescano nel torbido: si va da poteri locali forti, sino ai casi estremi dove si riparla di jus primae noctis. Il proselitismo è al massimo, i conventi sono pieni di novizie…De Sade si starà rivoltando nella tomba.                                                                                        Dopo l’ultimo invito delle autorità a presentarsi diverse persone hanno intrapreso la strada dell’emigrazione.                                                                    Vi sono posti migliori nel resto del mondo, occorre solo fare attenzione. Non tutto è oro. In alcune “enclavi” si sono allignati opposti estremi. Il “Triangolo Sodoma” ne è la prova; è zona franca, protettorato dell’Impero Finanziario; ove è nata sorgevano locali dediti alla prostituzione, i famosi privè, col tempo trasformatisi in templi della lussuria.                                                                                                                                  Il signor Alexei Cernenchi e Natlinka Mateevici, sua moglie, aspettano messaggi da due  loro amici stabilitisi nel Comprensorio della Bassa. Si tratta di due ragazzi, Giusy e Fernanda, una coppia di ex deportati di quando ci fu l’epurazione dei “diversi”.                                                                                                    Roma fu la prima a subire l’esodo.                                                                          I due sono fermi in Veneto; là un gruppo di comuni capeggiato da Chioggia ha aderito all’Unione Centro Europa Libera.                                                                                                                                La prima volta che sentii l’acronimo del nuovo organismo europeo mi misi a ridere senza ritegno. Eravamo al circolo, in riunione, ricordo le risa soffocate delle ragazze a chi dichiarava che non sarebbe mai andato a vivere nell’ UCEL.                                                                                                                                 Alexei ha vent’anni più della moglie.                                                                  Complice il libro mi è nota ogni cosa di loro. Io scrivo lei scherza. S’è convinta che del sesso sia stata maestra, che ne sappia più di Venere.                                                                                                                              

Le ho spiegato che l’amore non è professione, ma generosità, partecipazione e passione. Non può essere arrivata ad esplorare il profondo godimento, perché lo scopo delle mercenarie sono i soldi, non l’apice del piacere.                                                                                                                                       Di questi tempi parlarne si rischia troppo. Ho bisogno di approfondire, per una stesura che sia realista. Debbo poter penetrare la sua intimità, conoscerla a fondo.                                                                                                                      Il marito è andato in avanscoperta nell’UCEL.                                                      Mia moglie doveva andare in città, dal medico; si è dovuta accontentare del veterinario del paese.                                                                                            Noi due stiamo lavorando.                                                                                    Ad ogni vocabolo desueto della letteratura erotica, noi  ridiamo vita e forma, amore nel senso pieno della parola.                                                                                                                           Sono un po’ stanco. Questa donna è una artista naif, io uno studioso; la nostra unione crea continue esplosioni.                                                                           Fortuna qui fa fresco, non si suda.                                                                       L’unico inconveniente è che alcune “figure” dovranno attendere un altro giorno per essere esplorate, approfondite. Siamo interessati alla conoscenza, alla fattibilità, alla trasposizione delle teorie in realtà. Me ne vengono in mente di continuo.                                                                                                                  Per gli studi di oggi, appena finito di rilassarci un po’, riprenderemo della lingua. L’uso appropriato e senza remore di questo strumento comunicativo può rendersi insinuante.                                                                                               Se ben usata sa farsi sentire, in ogni pertugio. Sa far rinascere e accresce ulteriori sviluppi.